Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Pista ciclabile interrotta: nessuna segnalazione!

Le norme di sicurezza sui cantieri valgono poco per i ciclisti

Condividi su:

Pescara, pista ciclabile lungo fiume sud, all'altezza delle Torri Camuzzi.

Prima parte - Che la si prenda dall'ingresso lato mare, sotto il ponte della ex ferrovia, o, peggio, dal lato monte, ad un certo punto ci si troverà davanti ad una interruzione totale che costringe a tornare indietro. Se si viene dal lato mare, si tratta di rifare scarsi cento metri, ma se si viene dal lato monte potrebbe essere anche 1 km. Nè da una parte nė dall'altra c'è un cartello che avvisi dell'interruzione. Mai e poi mai una tale "distrazione" potrebbe accadere per una strada adibita a traffico automobilistico. Questo, nel caso c'è ne fosse bisogno, dà il senso dell'attenzione che, ai diversi livelli, viene diffusamente riservata all'utenza che si muove in bici. 

Seconda parte - Dopo la segnalazione di FIAB Pescarabici giunta ai Piani alti, qualcosa si muove. Il vicesindaco si è fatto sentire con la struttura di riferimento comunale e con la ditta esecutrice dei lavori; il Direttore del Centro di Monitoraggio per la sicurezza stradale farà un sopralluogo. E’ interessante notare che  la nota autorizzativa del Comune, affissa alla rete di cantiere, demanda la responsabilità gestionale dell'opera in tutte le sue fasi alla ditta affidataria dei lavori, che deve garantire la sicurezza del passaggio dei .... pedoni: "il transito pedonale deve essere garantito in totale sicurezza". Per i ciclisti sulla pista ciclabile nessuna raccomandazione, né citazione. Questa lacuna verrà presto colmata? 

Staremo a vedere. Quanto prima, nel caso l'interruzione dovesse durare, è auspicabile che vengano posizionati cartelli che, a distanza utile, segnalino l'interruzione e caso mai indichino percorsi alternativi. Per bici.

Condividi su:

Seguici su Facebook