Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

"Gli antichi mestieri" parte mercoledì una nuova rassegna curata da Vito Giovannelli

Giovannelli, noto incisore, pittore e medaglista, ci farà fare un viaggio alla riscoperta dei mestieri che oggi non esistono più

la redazione
Condividi su:

Dopo la rassegna schiaffo alla crisi, il 13 agosto prossimo prenderà vita la nuova rassegna del nostro quotidiano chiamata "Gli antichi mestieri".

Ogni mercoledì pubblicheremo un articolo in cui andremo a ricordare i mestieri di una volta, quelle attività che spesso sono definite umili e considerate di secondo livello, attività che hanno fatto parte della cultura e dell'economia del nostro territorio pertanto è giusto dare loro uno spazio nei ricordi di tutti noi.

Oggi è molto difficile, per non dire quasi impossibile, trovare informazioni su queste attività; possiamo ipotizzare che la causa sia proprio la loro bassa considerazione sociale ed economica e quindi il poco interesse che generano. Proprio per questo motivo, per dare spazio a chi spazio non ha, nel momento in cui Vito Giovannelli, noto incisore, pittore e medaglista, ci ha presentato le sue incisioni e descrizioni abbiamo immediatamente accettato, con immenso piacere, di pubblicarle sul nostro quotidiano.

Ogni descrizione sarà quindi accompagnata da una o più immagini delle incisioni realizzate proprio dal Giovannelli.

Vito Giovannelli nasce nel 1933 a Capurso in Puglia e sin da piccolo mostra spiccate attitudini per il disegno. Il suo primo insegnante, il pittore Umberto Colonna di Bari, scoprì subito la passione del suo giovane allievo per l’arte del bianco e nero, per la decorazione e per la grafica in generale. Dopo la sua permanenza all'estero, Giovannelli nel 1959 vinse un concorso indetto dal Ministero della Pubblica Istruzione e si trasferì definitivamente a Pescara. Da quel momento insegnò presso le scuole medie statali di Pianella, di Moscufo, di Francavilla al Mare e di Pescara utilizzando per l’attività didattica il suo testo “Educare con l’arte“ pubblicato nel 1962 dalla casa editrice Paravia, di Torino. L’opera didattica, redatta in collaborazione con la moglie, Adua De Virgiliis, rimase in adozione, a livello nazionale, per 18 anni fino al cambiamento dei programmi ministeriali nel 1980.

Appuntamento quindi al prossimo 13 agosto per un affascinante viaggio che ci porterà nei paesi del pescarese come Pescara, Cappelle sul Tavo, Montebello di Bertona gettando anche l'occhio fuori dalla nostra Provincia.

Qui in basso, ogni mercoledì, aggiungeremo gli appuntamenti della settimana

Gli appuntamenti

Primo appuntamento - mercoledì 13 agosto 2014 - il Cipollaro di Cappelle sul Tavo

Secondo appuntamento - mercoledì 20 agosto 2014 - l'Erborista di Montebello di Bertona

Terzo appuntamento - mercoledì 27 agosto 2014 - il Lupinaro di Francavilla al Mare

Quarto appuntamento - mercoledì 3 settembre 2014 - lu riganare della Majella

Quinto appuntamento - mercoledì 10 settembre 2014 - i pesalana abruzzesi

Sesto appuntamento - mercoledì 17 settembre 2014 - i viperai di Cocullo

Settimo appuntamento - mercoledì 24 settembre 2014 - il teatro stabile delle marionette di Borgomarino

Ottavo appuntamento - mercoledì 1 ottobre 2014 - i setacciari della valle Peligna e del teramano

Nono appuntamento - mercoledì 8 ottobre 2014 - l'ombrellaio di Secinaro (AQ)

Decimo appuntamento - mercoledì 15 ottobre 2014 - la filatrice della lana di Scanno

Undicesimo appuntamento - mercoledì 22 ottobre 2014 - il ceneraro di Taranta Peligna

Dodicesimo appuntamento - mercoledì 29 ottobre 2014 - il ventarolo, costruttore delle Ventole, le antenate dei ventagli

Tredicesimo appuntamento - mercoledì 5 novembre 2014 - i cavatori di ghiaccio di Fagnano e Secinaro

Quattordicesimo appuntamento - mercoledì 12 novembre 2014 - Le marionette dei Luigini alla Festa della Madonna dei Sette Dolori

Quindicesimo appuntamento - mercoledì 19 novembre 2014 - I costruttori di marionette in Abruzzo

Sedicesimo appuntamento - mercoledì 26 novembre 2014 - Le due orchestre del teatro stabile delle marionette di Borgomarino

Condividi su:

Seguici su Facebook