Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

"Così cantava Napoli" al Porto turistico

| di Angela De Francesco
| Categoria: Varie | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

"Così cantava Napoli"  uno spettacolo musicale nell'arena del porto turistico di Pescara  realizzato ed interpretato da Mario Salvatore  che  restituisce valore alla canzone napoletana popolare e d'autore  e  centralità ai  mandolini ed alle chitarre.

Mario Salvatore è considerato dalla critica "uno degli interpreti più autentici della canzone napoletana". E' stato allievo del grande interprete ed autore di canzoni Sergio Bruni,  ha partecipato a festival di canzoni napoletane, a programmi televisivi e radiofonici su Napoli ed ha tenuto numerosi concerti in Italia e all'estero.

Un ensemble straordinario che ha ripercorso la storia della canzone classica napoletana con un repertorio di autori importanti della canzone popolare e d'autore.

Il concerto è iniziato con O' sole mio"  scritta da E. Di Capua ed è proseguito con una rassegna di canzoni della tradizione napoletana scritte e musicate nel 1906 rispettivamente da Giuseppe Capaldo, cameriere e da Salvatore Gambardella, fabbro (Come facette mammete), a 'O marenariello scritta da Gennaro Ottaviano che ha riscosso un enorme successo fra i marinai.

Brani d'autore come Marechiare, scritta da Salvatore Di Giacomo e musicata dall'abruzzese F. P. Tosti, Reginella del 1917 scritta da Libero Bovio,  Maruzzella,  Tu vu fà l'americano, 'O saraccin di Renato Carosone, grande innovatore per la sua inventiva musicale,  Palcoscenico del 1956, Vienm in sonn di Sergio Bruni, fino ad arrivare a Roberto Murolo figlio d'arte (il  padre Ernesto era compositore).

Mario Salvatore, ambasciatore nel mondo della tradizione partenopea con la sua particolare  voce,  è stato accompagnato nell'ensemble dal figlio Nico Salvatore e da Fabrizio Di Carlo alla chitarra, Donatella Evangelista al flauto, Piero Ricucci al mandolino, Vincenzo Ciffo al contrabbasso e Lorenzo Sannoner alle percussioni.

Grande successo di pubblico che ha partecipato attivamente cantando i ritornelli di alcuni famosi brani ed alla chiusura del concerto con i pezzi di Maria Marì di Di Capua,  Malafemmena di Toto',  'O surdat  'nnammurato.

Nell'open concert, si è esibito il giovane cantante Massimiliano Ciurlino.

Foto Michele Raho

Angela De Francesco

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK