Il comune abbandona anziani e disabili: la protesta di Carrozzine Determinate

| di Sara Gerardi
| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

"Il Comune di Pescara abbandona gli anziani e i disabili".

E' questo "il grido" di allarme lanciato lanciato dall'associazione Carrozzine Determinate in tandem con la CGIL.

Stamane, a Piazza Italia, si sono radunati un nutrito gruppo di sindacalisti, anziani e disabili per potestare contro il taglio alle politiche sociali da parte dell'amministazione.

Non erano i soli a protestare però, il sostegno è arrivato anche dai precari di Attiva, stanziati difronte a Piazza Italia. Durante il discorso di Claudio Ferrante, presidente dell'associazione Carrozzine Determinate, hanno suonato delle trombette da stadio in segno di approvazione.

"Non è accettabile lo scaricabarie politico, siamo stufi. - sentenzia Claudio ferrante - Nel bilancio comunale, ci sono tagli alla disabilità e all'assistenza anziani nelle politiche sociali del 50% in 4 anni. Ma i tagli agli stipendi dei politici, consiglieri e assessori no. Come mai? I disabili risultano addirittura inverosibilmente "ricchi". 

"Non è la prima iniziativa che facciamo,- tuonano i sindacalisti CGIL - oggi 294 persone hanno assistenza, con un taglio del 50%, la condizione sociale è grave se non si investono fondi e risorse. L'assistenza è un diritto sociale inalienabile e importante, e non può essere messo all'ultimo posto della politica. Dal primo febbraio verranno revocati i tagli, come conferma l'assessore Diodati, ma visto che il problema è risolvibile in così poco tempo siamo ancora di più arrabbiati perchè non dovevano nemmeno arrivare le notifiche nelle case dei disabili che annunciavano il taglio. Se dal 1 al 7 febbraio la situzione non sarà risolta, torneremo qui e faremo qualcosa di più clamoroso"

"Percepiamo stipendi da fame, lavoro partime e in alcuni casi siamo in cassa integrazione, - dichiarano le operatrici sociali - come fa un operatore sociale a svolgere questo tipo di lavoro, ad essere incentivato ad andare avanti? Dove sono i 700.000 euro che il comune doveva stanziare?"

Durante la protesta presente anche l'assessore alle politiche Sociali Giuliano Diodati, che ha poi invitato i rappresentanti della CGIL e il presidente di Carrozzine Determinate ad un colloquio in Comune per discutere della problematica. Leggi qui il resoconto dell'incontro dell'incontro tra Diodati e i manifestanti.

In basso il video con il coro di protesta dei disabili:

 

Sara Gerardi

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK