Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Giornata della memoria: a Cepagatti un consiglio "in musica" per i ragazzi

| di Ufficio Stampa comune di Cepagatti
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

"Con il passare degli anni i testimoni dello sterminio ebraico non potranno più raccontarlo e noi non possiamo correre il rischio di dimenticare questa pagina di storia. Dobbiamo apprendere dal passato e pensiamo che sia necessario far conoscere la tragedia che si è consumata nei campi di concentramento per riflettere sul continuo pericolo del ritorno di quei sentimenti che hanno portato all'Olocausto".

Sono le parole proferite con grande partecipazione da Luca Carabella, 11 anni, baby sindaco di Cepagatti, in apertura della manifestazione organizzata dal Consiglio Comunale dei Ragazzi in occasione della celebrazione della Giorno della Memoria. L'iniziativa, dal titolo "...per non dimenticare", si è svolta in Municipio alla presenza di un centinaio di alunni delle classi terze della scuola secondaria di primo grado di Cepagatti, del sindaco Sirena Rapattoni, di assessori e consiglieri comunali, docenti e genitori. 

Nella sala consiliare, illuminata dalla luce fioca di decine di fiammelle che circondavano una divisa a righe da deportato, i quindici ragazzi che compongono il Consiglio, accompagnati dalla dirigente dell'Istituto comprensivo Annamaria Piccinni e coordinati dall'insegnante Antonella Rapattoni, hanno recitato brani e poesie sulla Shoah scritte da prigionieri dei campi di concentramento, adulti e bambini, o tratti dal Diario di Anna Frank.

Testimonianze significative e commoventi che sono state accompagnate dalla proiezione di alcuni video realizzati dagli stessi ragazzi con immagini della vita nel ghetto, nei rifugi e nei campi di sterminio. Il pubblico le ha ascoltate in rispettoso silenzio seguendo poi, con la stessa attenzione, l'esibizione del chitarrista Domenico Di Donato, che ha cantato alcuni brani come "La vita è bella" e "Auschwitz" di Guccini, e il reading della scrittrice Maura Chiulli che prima di recitare alcune poesie ha rivolto un invito ai ragazzi:

"Per ricordare le parole devono passare attraverso il cuore - ha detto - Quindi ogni tanto socchiudete gli occhi e ricordiamo, attraverso le parole di tanti scrittori e poeti, l'orrore di una pagina così triste e abominevole della nostra storia". 

Il sindaco Rapattoni, nel suo intervento, ha elogiato i ragazzi sottolineando l'importante compito che deve svolgere la scuola nel preservare la memoria.

"Ci sono sempre più difficoltà ad avere testimoni che abbiano vissuto sulla propria pelle gli orrori della deportazione e dei campi di concentramento - ha affermato - Per questo motivo vorrei dedicare un pensiero particolare ad Ermando Parete, sopravvissuto al campo di sterminio di Dachau, scomparso due giorni fa, che venne a Cepagatti nel 2009 per testimoniare il senso e il motivo di quel numero che gli era stato tatuato sulla sua pelle e che aveva voluto cancellare con un intervento chirurgico".

"Non si può comprendere ma si può conoscere e vivere empaticamente quello che è accaduto - ha aggiunto la professoressa Piccinni - Iniziative come questa ci aiutano a a ricordare e a rivivere la tragedia dell'Olocausto per cercare di capirne il senso". Al termine della manifestazione è stato proiettato un video realizzato dai ragazzi della scuola primaria di Villanova.

Ufficio Stampa comune di Cepagatti

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK