Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Parto d'emergenza all'ospedale di Penne, Sospiri: "Il punto nascite deve riaprire"

| di Forza Italia
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

“Il parto d’emergenza avvenuto ieri nel Pronto soccorso dell’ospedale di Penne è la fotografia grave di quanto denunciamo da mesi in riferimento allo scellerato Piano di riorganizzazione della rete sanitaria abruzzese del Governatore D’Alfonso: il punto nascita dell’ospedale vestino deve riaprire subito. Una donna in preda alle contrazioni, proveniente da Penne o da un comune dell’area montana, non riuscirebbe mai a raggiungere per tempo Pescara, esattamente com’è accaduto ieri, specie se in condizioni meteorologiche sfavorevoli. E una donna, una famiglia, non può affidarsi al caso, o alla fortuna, per sapere se riuscirà a far venire alla luce il proprio bambino, dopo nove mesi di gravidanza, solo perché il Presidente D’Alfonso ha deciso di tagliare indiscriminatamente la spesa per la sanità pubblica, penalizzando i poveri mortali. Se ieri quell’ostetrica non fosse stata rintracciata per pura fortuna, oggi forse non staremmo festeggiando la nascita di una bellissima bimba”.

Lo ha denunciato il Capogruppo di Forza Italia, alla Regione Abruzzo, Lorenzo Sospiri.

“Purtroppo l’episodio di ieri ha dato forma e concretezza ai nostri peggiori timori – ha sottolineato il capogruppo Sospiri -: ovvero una donna che sta avendo un parto d’emergenza non riuscirà mai a raggiungere l’ospedale di Pescara, ma rischia di partorire per strada o, comunque, in un ospedale pesantemente declassato e dove, con la chiusura del punto nascita, non c’è più il personale adeguato in servizio ventiquattro ore su ventiquattro. Al massimo, com’è accaduto ieri, c’è un’ostetrica di reperibilità, ovvero a casa sua che viene chiamata all’occorrenza. E se quando viene chiamata, l’ostetrica ha il telefonino irraggiungibile per una qualunque ragione? E se ci fosse la neve e magari la sua abitazione è lontana dall’ospedale? E se, correndo in ospedale, avesse un guasto alla vettura e non riuscisse ad arrivare in tempo? Perché un cittadino, in questo caso una donna, che paga le tasse, paga i ticket, per il solo fatto di avere la ‘sfortuna’ di vivere a Penne o in un comune dell’area vestina non ha più il diritto di partorire con la certezza di essere assistita nel migliore dei modi, e non di dover mettere al mondo il proprio figlio su una barella d’emergenza, nel freddo ambiente di un pronto soccorso, e senza la sicurezza di avere al proprio fianco non solo un’ostetrica, ma anche un medico ginecologo che, in caso di problemi, possa intervenire con la necessaria professionalità specialistica per assicurare la salvezza della madre e del figlio? Ieri è andata bene, ma Forza Italia ritiene che la salute non possa essere affidata alla sorte. Penne non può perdere il suo punto nascita, non può vedere il proprio Pronto soccorso declassato in una sorta di punto d’emergenza volante di transizione, non può essere trasformato in un grande poliambulatorio, perché, come abbiamo sempre detto, Penne rientra in un’area geograficamente disagiata, con collegamenti viari difficili per almeno 9 mesi l’anno su 12, con una viabilità disastrata. La vicenda di ieri – ha ancora sottolineato Sospiri – sarà lo spunto per continuare in maniera ancora più ferma la nostra battaglia per garantire il diritto alla salute su tutto il territorio regionale, senza discriminazioni di sorta, lo dobbiamo alla piccola Vittoria, neo-cittadina di Penne, a tutti gli altri bambini che hanno il diritto di nascere e di vivere con tutte le protezioni possibili”.

Forza Italia

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK