Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Complimenti al Liceo Marconi. Tutte le scuole dovrebbero seguire esempio

Condividi su:

Non posso che esprimere la massima solidarietà e stima al dirigente scolastico e ai docenti del liceo Marconi oggetto di un attacco demenziale e oscurantista per l'aver promosso un "Progetto contro la discriminazione, il bullismo e il cyberbullismo". Che si gridi allo scandalo per l'appartenenza a Arcilesbica di due relatrici la dice lunga. Questa polemica è pura omofobia anzi lesbofobia, e dimostra quanto ci sia bisogno che la scuola pubblica svolga un'attività educativa su questi temi, come avviene in tutti i paesi europei avanzati. E' proprio durante l'adolescenza che ragazzi e ragazze subiscono le peggiori violenze psicologiche e fisiche a causa del loro orientamento sessuale. Violenze che li segnano per sempre che provengono sovente da coetanei cresciuti in famiglie e contesti culturali ancora segnati dall'omofobia, molto spesso inconsapevole. 

Tutte le scuole dovrebbero seguire l'esempio del Liceo Marconi e non lasciarsi intimidire. Dispiace che le istituzioni (Comune, provincia, Regione) non abbiano sentito il dovere di intervenire esprimendo solidarietà alla scuola. Compito della scuola e delle istituzioni secondo l'orientamento della agenda votata dal parlamento europeo è di lavorare per:

  • introduzione delle problematiche LGBT nei programmi scolastici nell'intento di incoraggiare la tolleranza e la comprensione tra personale e studenti e sensibilizzare in merito all'esistenza di strutture familiari non tradizionali. I materiali didattici potrebbero comprendere libri da condividere con i genitori, per contribuire a smontare stereotipi e spiegare la diversità sessuale;
  • adozione nelle scuole di politiche anti-bullismo che comprendano espressamente l'omofobia e la trans fobia;
  • formazione degli insegnanti su come affrontare le problematiche LGBT nell'insegnamento e formazione di insegnanti e consulenti scolastici su come trattare i casi di molestie omofobiche e transfobiche.

Dunque il Liceo Marconi sta facendo il suo dovere. 

Condividi su:

Seguici su Facebook