Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Festa di San Cetteo, domani i provvedimenti viari

Condividi su:

“Scatteranno domani, mercoledì 9 ottobre, i nuovi provvedimenti viari legati all’inizio dei festeggiamenti per San Cetteo, patrono di Pescara, che culmineranno nella processione religiosa del 10 ottobre che, come da tradizione, interesserà la parte storica della città. Da domani inizieranno le iniziative che imporranno il divieto di sosta in piazza Alessandrini, dove quest’anno si è deciso di spostare tutti gli eventi di intrattenimento, sia musicali che teatrali, ma anche la chiusura al traffico di via Conte di Ruvo o via dei Peligni per consentire di accogliere, come da tradizione, le migliaia di fedeli che ogni anno partecipano con devozione alla celebrazione”.

Lo ha ufficializzato l’assessore alla Mobilità Berardino Fiorilli rendendo noti i nuovi provvedimenti.

“Come preannunciato dall’abate della cattedrale cittadina di San Cetteo, Don Francesco Santuccione – ha ricordato l’assessore Fiorilli –, sino all’11 ottobre si svolgeranno i festeggiamenti in onore di San Cetteo, con momenti prettamente religiosi, affiancati da manifestazioni musicali e teatrali, iniziative che si dislocheranno tra la Cattedrale, piazza Alessandrini e la classica piazza Garibaldi. Parliamo ovviamente di un momento di raccoglimento della comunità cattolica cittadina fortemente sentito, che, dopo una sospensione della festa durata anni, ha cominciato a richiamare a raccolta fedeli da ogni parte d’Abruzzo, al pari delle celebrazioni della Madonna dei Sette Dolori e di Sant’Andrea, una festa che ha permesso anche di riscoprire la storia della nostra cattedrale e le tradizioni più antiche della città. Gli studi archeologici, infatti, vogliono che la Cattedrale sorga nel sito dove in epoca romana vi era il Tempio di Giove e dove, successivamente, fu costruito il complesso religioso medievale di Santa Gerusalemme i cui resti sono visibili proprio dinanzi alla Cattedrale. La leggenda narra invece che la chiesa è intitolata al martire Cetteo, Vescovo di Amiterno, vissuto tra il VI e VII secolo, annegato nelle acque del fiume dai Longobardi perché accusato di tradimento, e il suo corpo fu trasportato dagli angeli sino alle porte dell’odierna città di Pescara, proprio nel luogo in cui oggi sorge la Cattedrale. San Cetteo è oggi nota come Tempio Nazionale della Conciliazione, denominazione che le fu data in ricordo della stipula dei Patti Lateranensi; per iniziativa dell’Abate Brandano, incoraggiato e aiutato da Gabriele d’Annunzio, l’imponente chiesa fu costruita dal 1933 al 1938, su disegno dell’architetto Cesare Bazzani e venne consacrata Cattedrale nel 1977 e all’interno, nella cappella di sinistra è custodito il monumento sepolcrale di Luisa d’Annunzio, madre del Vate. I nuovi appuntamenti per le celebrazioni sono previsti per la giornata di domani, mercoledì 9 ottobre: il programma religioso prevede il Triduo di preghiere in onore di San Cetteo, con la celebrazione quotidiana di tre Sante Messe, alle 7.30, alle 8.30 e alle 18.30 animata da un Coro. Il programma dei festeggiamenti prevede invece, dalle 21, in piazza Alessandrini, lo spettacolo del Gruppo musicale ‘Tequila Band’. Per consentire lo svolgimento degli eventi domani, dalle 14 alle 24, sarà in vigore il divieto di sosta in piazza Alessandrini; dalle 20.30 alle 24 sarà invece in vigore il divieto di transito in via Conte di Ruvo; via dei Peligni, nel tratto compreso tra via Conte di Ruvo e l’incrocio con via dei Marrucini; in via dei Marsi, nel tratto compreso tra l’incrocio con via dei Marrucini e l’incrocio con via Conte di Ruvo; in via Catullo; via Cecco Angiolieri; via Cincinnato e via Monti, alle spalle della Cattedrale. Le celebrazioni entreranno nel vivo nel giorno di San Cetteo, 10 ottobre, patrono della città, quando, nel pomeriggio, dopo la Santa Messa, celebrata dall’arcivescovo, Monsignor Tommaso Valentinetti, alle 19 si svolgerà la solenne processione con le spoglie del Santo, che attraverserà il Ponte d’Annunzio e il Ponte Risorgimento con la tradizionale benedizione delle due sponde del fiume, e la chiusura al traffico di tutto il rione dalle 10 a mezzanotte, quando la festa terminerà con i fuochi pirotecnici”.

Condividi su:

Seguici su Facebook