Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Presentati i primi filobus che transiteranno sulla Strada Parco

Il Sindaco Masci: "Un obiettivo che da 25 anni cercavamo di raggiungere"

redazione
Condividi su:

Sono stati presentati formalmente 6 nuovi filobus che transiteranno sulla Strada Parco di Pescara e collegherà Montesilvano, Francavilla, l'Aeroporto e anche Chieti. Dopo 25 anni di attesa finalmente Pescara avrà il filobus, quando nel 1997 Nino Sospiri e Carlo Pace inaugurarono la Strada Parco.

“Il percorso burocratico è stato lungo, spesso difficile, ma abbiamo sempre creduto nella bontà del progetto della filovia – ha ribadito il Presidente Sospiri –, come abbiamo continuato a ripetere ormai da vent’anni a questa parte. Abbiamo sempre difeso un Piano strategico che garantirà un taglio di due terzi alla quota di città oggi attanagliata dallo smog e che finalmente, offrendo una valida alternativa ai cittadini-utenti in termini di mobilità sul territorio, ricomincerà a respirare. 

Erano gli anni ’90 quando Pescara ha iniziato a sognare la sua filovia, ovvero la realizzazione di un sistema di trasporto pubblico di massa su linea elettrica a impatto zero, che, grazie all’intuizione del sottosegretario alle Infrastrutture Nino Sospiri, avrebbe goduto anche di un percorso dedicato e riservato, sfruttando l’ex tracciato ferroviario dismesso da decenni e che comunque rappresentava una ferita che divideva la città. Quell’intuizione si è tradotta, all’epoca, in finanziamenti Cipe che hanno permesso di riqualificare il tracciato, dando vita all’odierna via Castellamare, da qualcuno ribattezzata ‘strada-parco’ perché al percorso lineare riservato alla filovia si affiancano aiuole e percorsi ciclabili e pedonali, ma di fatto quell’asse non è nato né è mai stato un parco. La sua destinazione è sempre stata quella di collegare in modo veloce due città, Montesilvano e Pescara, permettendo di abbattere la percorrenza dei mezzi pubblici, senza inquinare, e di rappresentare una valida alternativa alle auto private, peraltro anche consentendo di alleggerire e sgravare altre strade parallele, come viale Bovio-via Nazionale Adriatica nord e la stessa riviera nord, dal passaggio degli autobus di vecchia generazione. 

Sul tema si sono aperti dibattiti, contese, polemiche, tentativi di bloccare le procedure, nel frattempo il cantiere è andato avanti, e poi si è fermato per i problemi legati alla ditta che si era aggiudicata la fornitura dei mezzi. Risolta anche quest’ultima difficoltà, è subentrata la necessità di realizzare degli adeguamenti di cantiere, come la costruzione di nuove pensiline, l’abbattimento di barriere architettoniche legate all’altezza dei marciapiedi, per rendere pienamente e collettivamente fruibile la filovia, e altri piccoli dettagli oggi realizzati. Nel frattempo è evidente che è cambiato anche il clima tutt’attorno al tema della mobilità sostenibile di cui la filovia di Pescara è un simbolo di lungimiranza: oggi il transito dei filobus, così come il sistema del Bus Rapid Transport-BRT, non è più oggetto di discussione, ma sono, entrambe le opere, unanimemente considerate necessarie in una città che punta a garantire qualità della vita ai propri cittadini. A partire da oggi Pescara e i fruitori dei mezzi di trasporto pubblico potranno beneficiare di un sistema innovativo con mezzi di ultima generazione che entreranno facilmente e rapidamente nella consuetudine dei pescaresi”. 

Queste invece le parole del Sindaco Carlo Masci attraverso un video pubblicato su Facebook, mostrando il nuovo filobus che percorrerà le strade della città:

"Finalmente siamo dentro il filobus che percorrerà la Strada Parco congiungendo Pescara a Montesilvano, Francavilla fino all'Aeroporto e anche a Chieti. L'area metropolitana di 400 mila abitanti che trova un mezzo pubblico, un trasporto rapido e di massa totalmente elettrico che attraversa la città.

I cittadini potranno lasciare la macchina a casa, non intaseranno il centro della città-spiega Masci-non inquineranno e potranno percorrere le strade di Pescara su un mezzo ipertecnologico che contiene tutte le innovazioni possibili che ci sono oggi sul mercato. Totalmente fool electric e sicuramente migliorerà la qualità della vita della nostra città e dei nostri cittadini.

Un obiettivo che da 25 anni cercavamo di raggiungere. Io ricordo quando Nino Sospiri e Carlo Pace inaugurarono la Strada Parco e misero uno striscione in cui dissero <> oggi finalmente il filobus è arrivato. La tristezza  è che sono passati 25 anni. Per fare un'opera pubblica importante come questa che migliora la qualità della vita dei cittadini abbiamo dovuto aspettare 25 anni, sono troppi e credo che per questo credo che l'Italia non funzioni ma noi guardiamo avanti e soprattutto Pescara guarda avanti."

In foto: Il Sindaco di Pescara Carlo Masci all'interno del filobus

Condividi su:

Seguici su Facebook