Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

In provincia di Pescara al via l'iniziativa "Etichetta la cassetta" di Poste Italiane

L'Azienda fornisce ai cittadini le etichette da esporre sulle cassette domiciliari e sul citofono condominiale

Condividi su:

Al via anche in provincia di Pescara l'iniziativa di Poste Italiane "Etichetta la cassetta". Il progetto nasce con l'obiettivo di correggere un fenomeno, quello delle cassette postali prive di nominativi, assai diffuso su tutto il territorio e che in molti casi rende complicato il servizio di recapito della corrispondenza a causa della oggettiva difficoltà nella individuazione dei destinatari da parte dei portalettere. 

Numerosi i comuni coinvolti in tutto il territorio, serviti dai Centri di Distribuzione di Pescara, Montesilvano Spiaggia e Tocco da Casauria e dai presidi di Penne e Catignano, nei quali i cittadini con cassetta "anonima" stanno ricevendo dall'Azienda una comunicazione che li invita ad apporre le etichette con il proprio nome e cognome sulle cassette domiciliari e sul citofono condominiale. Le etichette da utilizzare, a strappo e adesive, sono state incluse gratuitamente nella lettera di avviso. 

Complessivamente, in tutta la provincia sono oltre 900 le comunicazioni inviate alle famiglie residenti che presentano le maggiori difficoltà e che richiedono un intervento di collaborazione da parte dei cittadini. 

Poste Italiane, da sempre attenta a migliorare la qualità del servizio, ha interessato direttamente i cittadini sensibilizzandoli sull'importanza della presenza dei nominativi corretti per il regolare esito del recapito. Particolarmente interessati da questo intervento sono i comuni con meno di 5mila abitanti, un segmento significativo di popolazione a cui Poste Italiane sta dedicando da tempo una particolare attenzione, per accompagnarne la riqualificazione e lo sviluppo sostenibile, come recentemente evidenziato dall'amministratore delegato Matteo Del Fante. 

Con il progetto "Etichetta la cassetta" i cittadini sono invitati anche a comunicare l'indirizzo aggiornato a tutti i propri mittenti abituali, in particolare i fornitori delle utenze. Inoltre l'Azienda ha avviato un percorso di collaborazione con le istituzioni locali per intervenire sulla toponomastica, per rendere efficace il servizio, soprattutto nei territori periferici. L'iniziativa è coerente con i principi ESG sull'ambiente, il sociale e il governo di impresa, rispettati dalle aziende socialmente responsabili, che contribuiscono allo sviluppo sostenibile del Paese. 

Quella delle cassette postali prive di nominativi è soltanto una delle cause per cui in molti casi il servizio di recapito subisce rallentamenti dovuti ad oggettive difficoltà esterne tali da non garantire una consegna puntuale. Tra gli altri elementi, frequenti sono anche casi di incongruenza tra gli indirizzi riportati sulle spedizioni e gli effettivi domicili dei destinatari, una toponomastica non corretta o non coerente, cassette postali assenti. 

 

 

Condividi su:

Seguici su Facebook