Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Successo dell'Orchestra Femminile del Mediterraneo

Quando la musica racconta la storia

Condividi su:

L’Orchestra Femminile del Mediterraneo ha regalato una serata emozionante e coinvolgente, nell’interpretazione dello spettacolo “Ad Auschwitz c’era un’orchestra femminile”,  ideato da Antonella De Angelis.

Suggestioni del passato e intime riflessioni sulla fragilità della condizione umana, davanti alle aberrazioni di Auschwitz si sono unite alla soavità delle note musicali. Vita e sopravvivenza, voglia di libertà e di dignità umana, davanti ad un’inspiegabile violenza collettiva sono state le emozioni trasmesse durante lo spettacolo.

L’appassionante storia raccontata dalla superstite Fania Fenélon,  musicista francese, deportata ad Auschwitz, ha trovato voce nella profonda interpretazione di Tiziana Di Tonno, nell’accompagnamento musicale del Maestro Antonella De Angelis e nell’appassionante rappresentazione della violinista ebrea Alma Rosè, portata sul palco da Edmea Marzoli.

La storia di donne, con vite, nazioni, culture e religioni diverse, unite nella musica e nella sofferenza  ha emozionato il teatro Massimo di Pescara.

L’atmosfera agghiacciante di quel momento storico è stato trasmesso con enfasi dalle orchestrali, in costume di scena, abili anche nella recitazione e dalla coinvolgente espressività delle attrici.

Uno spettacolo che ha toccato le corde non solo degli archi ma anche degli animi.

Lo spettacolo verrà replicato martedì 27 gennaio alle ore 21 al Teatro Comunale di Città Sant’Angelo e mercoledì 28 alle ore 21 al Teatro F.P. Tosti di Ortona.

Video Michele Raho

Condividi su:

Seguici su Facebook