Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

il linguaggio universale della poesia

domenica 8 febbraio 2015 ore 17.30 club Buena Vista Cabaret via dei Marrucini n.55 Pescara.

| di Maria Luisa Abate
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

domenica 8 febbraio 2015 ore 17.30  club Buena Vista Cabaret via dei Marrucini n.55 Pescara.

Ancora una volta Cinzia Rossi ha organizzato un evento culturale ricco di emozioni.

L'argomento di questo freddo e piovoso pomeriggio domenicale è stato la poesia universale, cioè quella poesia che è coniugata con vari linguaggi  che scaturiscono dalla sensibilità di chi le scrive e da antiche tradizioni.

Le poesie presentate sono state di Cinzia Maria Rossi e di Claudio Spinosa.

Claudio Spinosa è un poeta che trae i suoi scritti da un comportamento poetico nato in Giappone. Questa poesia  è composta da soli  tre versi per complessive diciassette sillabe con schema 5/7/5, cioè primo verso 5 sillabe, secondo verso sette sillabe e terzo verso cinque sillabe.

Gli haiku sono nati per dare l'idea di un'immagine usando solo pochi suoni. Gli haiku usano linguaggi sensoriali per catturare un sentimento o un'immagine e sono spesso ispirati da elementi naturali, un momento di bellezza o un'esperienza emozionante. La poesia haiku è stata sviluppata dai poeti giapponesi, ed è stata adottata alle altre lingue dai poeti di tutte le nazioni.

La presenza di un “riferimento stagionale” okigo, l'assenza di un titolo e il rimando alle mutevoli declinazioni naturalistiche ed umane, sono alcuni dei requisiti che uno scritto deve possedere per rispettare i crismi concettuali cari alla tradizione haikai.

L'attrice Silvia Napoleone ha egregiamente letto le poesie degli scrittori presenti

Del poeta Claudio Spinosa sono state lette anche altre poesie, di comune tradizione poetica, da Cinzia Rossi e dall'attrice Silvia Napoleone.
L'attrice Silvia Napoleone ha egregiamente letto le poesie di Cinzia Rossi.

Il musicista Leone Peretti ha accompagnato con i suoni della chitarra, la lettura che la poetessa Cinzia Rossi ha fatto delle sue poesie e di alcuni suoi scritti.

Non è stata presente, perché ammalata, la poetessa aquilana Alessandra Prospero che ha scritto un Romanzo con il titolo P.S. post terremoto.

Cinzia Rossi ha voluto annunciare il prossimo Festival Rosadonna che si terrà dal 14 maggio per 4 giorni, presso il Museo Vittoria Colonna, che vedrà la partecipazione di molte donne e molti uomini che presenteranno i propri lavori.

Presente alla manifestazione la pittrice Cinzia Napoleone che ha esposto alcuni suoi lavori, la pittrice sarà anche la madrina del festival Rosadonna e ne curerà la parte artistica con le sue marine dedicate a D'Annunzio.

La pittrice Cinzia Napoleone ha rilasciato una breve intervista sulla sua vita e sulla sua professione:…"Sono figlia d'arte da tre generazioni. Appartengo ad famiglia di pittori impressionisti. Mio padre Nicodemo lo posso definire un iper realisrta, Io sono, invece, più impressionista immediata con colori  forti e accesi che rispecchiano la mia personalità.

Sono mamma di quattro figli, innamorata di mio marito e voglio trasmettere la mia gioia attraverso la pittura"…"Ho fatto il liceo artistico, ma ho mi sono laureata in lettere e ho fatto il conservatorio. Ho cominciato a dipingere con mio padre da quando avevo sei anni , ma mi sono fermata perché, come succede spesso per una forma di rivalsa verso genitori, ho insegnato musica, ma poi il cuore mi ha portato a dipingere. Il mio maestro è stato mio padre.

Ho una galleria personale in via Muzii, con un laboratorio per i bambini, dai 4 anni in su, nel pomeriggio e per gli adulti nella mattina. La mia galleria non deve essere chiusa, ma aperta al pubblico che potrà entrare liberamente. La mia galleria deve essere come una mostra permanente sempre aperta per chi desidera visitarla e frequentarla.
Inoltre affianco nella scuola elementare di via Regina Elena la maestra d'arte ed ho un laboratorio anche nella scuola materna Mary Poppins di Pescara".

Tra il pubblico la presenza della scrittrice di romanzi e giornalista Antonella Romano, che è già al suo secondo romanzo e  della signora Rossini Annarita componente della Commissione pari opportunità del Comune di Pescara.

Il piacevole pomeriggio si è chiuso con l'assaggio della torta Rosa Donna preparata da Cinzia Rossi e da una meditazione Zen guidata da Claudio Spinosa.

Maria Luisa Abate

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK