Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Parte da Pescara la mobilitazione per dire "no" alla soppressione del Corpo Forestale

Presentato l'appello comune di Sottanelli (Sc) contro la riorganizzazione. Hanno già aderito in 150

la redazione
Condividi su:

Parte da Pescara la mobilitazione dell’Abruzzo per la "tutela dell'ambiente e della legalità”, con un appello comune in difesa del Corpo forestale dello Stato e contro il disegno di legge sulla riorganizzazione. L'appello è stato promosso dal deputato Giulio Sottanelli (Scelta Civica) e, nel giro di due giorni, ha ottenuto oltre 150 adesioni.

Del tema si è parlato nel corso di un incontro che si è svolto stamani nella sede della Provincia, in una gremita sala Tinozzi. Presenti, tra gli altri, oltre a Sottanelli, il presidente della Provincia di Pescara, Antonio Di Marco, l’assessore regionale all’Ambiente, Mario Mazzocca, quello ad Agricoltura, Caccia e Pesca, Dino Pepe, primo firmatario dell’appello, i deputati Gianni Melilla (Sel) e Paolo Tancredi (Ap), il consigliere nazionale del Wwf Dante Caserta, un centinaio di sindaci e rappresentanti dei comuni abruzzesi, tra cui i primi cittadini di Pescara e Montesilvano, Marco Alessandrini e Francesco Maragno.

"La soppressione del Corpo Forestale dello Stato - ha detto Sottanelli - rappresenterebbe per l'Abruzzo, 'Regione verde d'Europa' per la presenza di ben quattro Parchi nazionali e numerose aree protette e di interesse ambientale e paesaggistico, la grave messa a rischio dello stato di tutela dell'ambiente, dell'agricoltura e del territorio naturale, con conseguenti costi sociali ed economici immediati. Rappresenterebbe la perdita di quel ruolo di sapiente cura del rapporto cittadino-ambiente-agricoltura e della continua azione 'di prossimità'".

Il Cfs, in Abruzzo, conta 71 stazioni e 316 unità operanti in tutta la regione. Nel 2014 ha portato a termine 61.524 controlli accertando 512 reati ambientali e 1.791 illeciti amministrativi per sanzioni pari a oltre due milioni di euro. L’azione della forestale, viene ricordato nell’appello, si è distinta anche per l’azione di repressione degli incendi boschivi, passati dai 288 del 2012 ai 47 del 2014.

Condividi su:

Seguici su Facebook