Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Abruzzo Wine 2014: grande successo di pubblico per il vino abruzzese

| di Luisa Avallone
| Categoria: Gusto | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Sabato pomeriggio alle ore 17 si è tenuta la cerimonia di premiazione della 9^ edizione del “Pescara Abruzzo Wine”. La manifestazione è stata organizzata con la collaborazione della Fondazione PescarAbruzzo e con il patrocinio degli Assessorati Regionali all’Agricoltura e alle Tradizioni, della Camera di Commercio di Pescara, del Consorzio di Tutela Vini d’Abruzzo e del Consorzio di Tutela Colline Teramane.

Apre come sempre la manifestazione il delegato AIS di Pescara Luca Panunzio con 45 minuti di ritardo rispetto all’orario previsto, ma il ritardo sull'orario pubblicato é prevedibile poiché devono arrivare importanti personalità pubbliche e cantine da fuori regione distanti parecchi chilometri.

I vini abruzzesi premiati sono stati scelti sia dal pubblico sia dagli specialisti di settore usando schede di voto. Premi speciali sono stati riservati alle cantine che si sono distinte per la grandissima qualità provenienti da Toscana, Basilicata e Trentino.

Il sindaco Alessandrini, nel suo intervento, fa notare con una simpatica battuta che neanche il consiglio comunale è stato mai così gremito di pubblico e che il segmento del vino funziona benissimo.

Il presidente dell'Associazione Italiana Sommeiler Gaudenzio D'Angelo fa notare quanto sia diventata importante questa manifestazione data la presenza di cantine blasonate provenienti da tutta Italia e Nicola Mattoscio presidente della fondazione PescarAbruzzo dà il suo saluto informando la platea che l'Italia ha superato la produzione vinicola francese da qualche anno e che si può affermare che l'Abruzzo sta diventando sempre più una piccola potenza nel campo vitivinicolo e nel giro di qualche decennio potrà portare almeno 4 o 5 miliardi di produzione di vino in più. Questa é la sfida che dovranno affrontare gli operatori del settore.

Le Premiazioni

Categoria vini bianchi vince Pecorino 2013 azienda agricola Contesa. Il pecorino é uno dei vitigni autoctoni di Abruzzo.
Premio speciale a Laura Pasetti della Cantina Pasetti di Francavilla al mare. Laura spiega che le vigne si trovano a Pescosansonesco dove il loro pecorino " di montagna " ha trovato la sua identità.
Categoria Vini rosati: vince cerasuolo Abruzzo 2013 azienda agricola Costantini.
Categoria Vini rossi giovani: vince Amphora 2013 della Cantina Cirelli . Vino derivato da un progetto di 5 anni fa ,dove avevano deciso di far maturare il vino nelle anfore piuttosto che nelle botti in modo da assegnare maggiormente il vino e conservare il più possibile il terroir abruzzese. Una scelta vincente.
Categoria Vini rossi maturi: vince il montepulciano del 2010 di Emidio Pepe.
Miglior cantine termine docg tra Strappelli Lorenzo e Corrado de Angeles Corvi
Vince celibe 2010 riserva cantine strappelli,
Vini dolci vince passito rosso pietrantonj.
Spumanti Santagiusta brut metodo classico marchesi de Cardano progetto santagiusta : a base di pinot nero coltivato a 700 metri di altitudine
Miglior vino biologico valori 2012 s omero controguerra montepulciano Abruzzo doc bio.
Miglior azienda biologica chiusa grande d'eus spumante metodo classico insieme a vitigni autoctoni e chardonnay.
Miglior rapporto qualità prezzo sogno 2012 cantina platinum corropoli
Premio speciale " il bianco di Giulio" vino trebbiano Abruzzo Gianni Masciarelli
Miglior evento Ais: colline teramane Ais Abruzzo a favore di Alba onlus.
Miglior promessa: spumante rosè Abruzzo doc Eredi Legonziano Lanciano.
Cantina dell'anno: feudo antico di Tollo.
Il presidente dell’area marina di Torre del Cercano dà un importante annuncio : la suddetta area sarà premiata a Bruxelles nel dicembre 2014 come Prima area marina protetta certificata d Europa.
Miglior enologo 2014 Carlo Ferrini, toscano, già premiato enologo del mondo nel 2008.

Miglior libro delI'anno Ian d'Agata : "native wine grapes of italy " raccolta sui vitigni autoctoni d'Italia.
Miglior giornalismo dell'anno: Rai radio direttore Nicola Sinisi che annuncia in anteprima il lancio di un nuovo canale su food & wine a inizio anno.
Premio a Luigi di Fonzo de Il Centro. Anche lui annuncia che stanno per lanciare delle guide allegate al giornale per far conoscere l’Abruzzo una regione che va da 0 a 2000 mt .
Premiato Giovannozzi di TV6.
Miglior vino d'italia: Spumante riserva 2002 di Cantine Ferrari di Trento con chardonnay vinificato in purezza, cioè senza aggiunta di altri vitigni.
La manifestazione si è conclusa intorno alle 20 e a seguire c'è stata degustazione sia dei vini in concorso sia dei vini premiati.

Luisa Avallone

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK