Festival dannunziano, domani il concerto di Morgan ed il documentario "L'Aquila di Fiume"

Sospiri: "Ormai il Festival è una Ferrari lanciata verso il traguardo"

| di la redazione
| Categoria: Musica e Spettacolo
STAMPA

Sarà l’artista Morgan, con la Medit Orchestra del maestro Angelo Valori, il secondo big italiano della musica internazionale a scendere in campo domani, mercoledì 8 ottobre, per la sesta giornata della terza edizione del Festival dannunziano che arriva al giro di boa mentre continua la raccolta fondi in favore della pineta dannunziana, campagna alla quale è legata l’edizione 2021 della kermesse artistico-culturale.

“Ormai il Festival è una Ferrari lanciata verso il traguardo – ha commentato il Presidente del Consiglio della Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri –, una kermesse che sta registrando il pieno consenso del pubblico con il quasi sold out degli spettacoli dei prossimi giorni, a certificare la bontà di un progetto artistico al quale abbiamo sempre creduto”.

Domani, mercoledì 8 settembre, la sesta giornata di eventi partirà alle ore 19, all’Aurum, con la proiezione in anteprima mondiale del Documentario croato ‘L’aquila di Fiume, dello sceneggiatore Velimir Grgic, regia di Dario Lonjak con Giordano Bruno Guerri e Federico Carlo Simonelli. ‘L’aquila di Fiume’ (Riječki orao), racconta il ritrovamento della testa dell’aquila bicipite sistemata in cima alla Torre civica, la quale fu rimossa dai soldati di Gabriele d’Annunzio durante l’Impresa di Fiume.

La storia della testa scomparsa dell’aquila bicipite di Fiume viene analizzata a partire, innanzitutto, dagli antefatti e dall’ideologia promossa da d’Annunzio, in cui l’Impresa di Fiume costituisce un punto di svolta, segnando l’inizio del declino della sua figura politica e sociale. Gli studiosi coinvolti nel film raccontano senza idealizzazioni la storia dell’attacco delle truppe dannunziane sulla città, soffermandosi in particolare sugli Arditi, di cui facevano parte Guglielmo Barbieri e Alberto Tarpari, responsabili della rimozione della testa. Il documentario spiega come l’oggetto sia stato ritrovato dallo studioso italiano Federico Carlo Simonelli, impegnato nello studio del mito delle imprese militari su Fiume costruito dallo stesso d’Annunzio. La testa dell’aquila bicipite, come spiegato nel documentario, era stata spedita a d’Annunzio dagli Arditi come segno di ringraziamento e di omaggio, insieme ad altri oggetti e opere d’arte. L’invio dei materiali è comprovato da una lettera di Guglielmo Barbieri allo stesso d’Annunzio, e conservata da quest’ultimo negli archivi del Vittoriale degli Italiani, il complesso monumentale costruito su commissione di d’Annunzio sulla sponda bresciana del lago di Garda, dove è stato ritrovato anche il capo rimosso dell’aquila bicipite. Le riprese del documentario, prodotto dalla Pulsar Produkcija, hanno avuto luogo in diverse parti della città di Fiume, oltre che in alcune località italiane, tra cui il sopracitato Vittoriale degli Italiani. Nel film vengono nominati numerosi personaggi che, in modo più o meno evidente, hanno giocato un ruolo nella permanenza di d’Annunzio in città, tra cui l’aviatore militare Guido Keller e la danzatrice russa Ida Rubinstein.

Alle ore 21 il pubblico si sposterà al Teatro d’Annunzio che ospiterà un inedito Morgan, protagonista del concerto live ‘d’Annunzio e altri racconti’ con la Medit Orchestra, diretti dal Maestro Angelo Valori, uno spettacolo in cui l’artista racconterà d’Annunzio attraverso i suoi testi, uno spettacolo in anteprima nazionale.

Morgan, all'anagrafe Marco Castoldi, musicista, cantautore e interprete, nasce a Milano. A sei anni comincia a suonare la chitarra, ad otto il pianoforte, appassionandosi alla musica classica. Frequenta quattro anni di liceo classico e termina gli studi liceali passando al liceo scientifico sperimentale.  Nel 1984, influenzato dalle correnti musicali dell’epoca, come la New Wave, il New Romantic e il Synth pop,  riesce finalmente a convincere i genitori ad acquistargli il suo primo sintetizzatore, un Korg-Poly 800. Comincia così il suo percorso musicale: nel 1986, sotto lo pseudonimo di Markooper, compone e arrangia canzoni che racchiude in due piccoli lavori dai titoli: "Prototype" e "Dandy bird & Mr contraddiction".

Nello stesso anno inizia il suo sodalizio artistico con Andrea Fumagalli, con il quale fonda i Golden Age. Nel 1989 esce il loro primo lavoro: Chains, seguito dal discreto successo del primo videoclip realizzato per il singolo Secret Love. Nel 1991, insieme a Sergio Carnevale e Marco Pancaldi, poi sostituito da Livio Magnini, i due inseparabili compagni d'avventura Morgan ed Andy fondano i Bluvertigo. Nel 1994 Morgan (basso e voce), Andy (tastiere), Pancaldi (chitarre) e Sergio (batteria) pubblicano il loro primo singolo Iodio. Partecipano a Sanremo Giovani, ottenendo consensi dalla critica e piazzandosi al terzo posto fra i gruppi musicali. Nel 1995 il gruppo pubblica il primo album Acidi e basi, seguito da Metallo non metallo (1997), che porterà la band alla vittoria all'MTV Europe Music Awards come miglior gruppo italiano, e alla vendita di 400.000 dischi. Nel frattempo Morgan produce gli album Playback dei Soerba e L’eroe romantico de La sintesi. Nel 1999 i Bluvertigo pubblicano l’album Zero, che chiude la cosiddetta trilogia chimica. I tredici brani che compongono Zero verranno pubblicati dalla Bompiani in una raccolta poetica dello stesso Morgan con il titolo Dissoluzione. Al libro è allegato un CD contenente Canone inverso, esperimento dei Bluvertigo e dei poeti Alda Merini, Manlio Sgalambro, Enrico Ghezzi e Murray Lachlan Young. Nel 2001 i Bluvertigo pubblicano Pop Tools, una raccolta dei maggiori successi della band, contenente due brani inediti, tra cui L'assenzio, brano con il quale la band, nello stesso anno, partecipa al Festival di Sanremo, classificandosi all'ultimo posto. Nel 2003 Morgan esordisce come solista con l’album Canzoni dell'appartamento, che vince la targa Tenco come Migliore Opera Prima dell'anno. L'anno successivo Morgan compone la colonna sonora di due film: Ingannevole è il cuore più di ogni cosa, diretto dalla compagna Asia Argento, e Il siero della vanità di Alex Infascelli. In quest’ ultimo film e in Perduto amor, per la regia di Franco Battiato, comparirà anche come attore. Nel settembre 2003 vince a Crotone il Cilindro d'Argento, nell’ambito del Festival “Una casa per Rino”, dedicato a Rino Gaetano. Nel 2005 pubblica il remake dell’album “Non al denaro, non all'amore né al cielo”, inciso nel 1971 da Fabrizio De André ed ispirato all’Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters. Con quest’album Morgan conquista il suo secondo Premio Tenco, stavolta come miglior interprete. Sempre nel 2005 collabora con Edoardo Bennato al disco "La fantastica storia del Pifferaio Magico" cimentandosi nel brano "Lo show finisce qua". Cura le parti musicali del suo nuovo programma su Rai 2 dal titolo "Il Tornasole". L'anno successivo compone la colonna sonora del film "Il Quarto Sesso" di Marco Costa. Nel 2006 interpreta Milan nel film "Transylvania” di Tony Gatlif. Nel 2007 esce il singolo “Tra 5 minuti”, che anticipa l’album di inediti "Da A ad A" . Nel 2008 i Bluvertigo annunciano la loro reunion con un nuovo tour e con la pubblicazione dell’album live MTV Storytellers. Nello stesso anno Morgan pubblica l'album "È successo a Morgan", una raccolta contenente brani tratti dai suoi album da solista, quattro cover di Fabrizio De André e tre inediti: le cover di "Il nostro concerto" di Umberto Bindi, "L'oceano di silenzio" di Franco Battiato e "23 roses", canzone in inglese inserita come bonus-track nella versione digitale di “Da A ad A”. Nello stesso anno, insieme a Mauro Garofalo scrive il libro "In pArte Morgan". A partire dal 2008 partecipa a tre edizioni del programma televisivo X Factor. Nel 2009 pubblica il canzoniere "Italian Songbook vol.1", in cui reinterpreta brani di Piero Ciampi, Sergio Endrigo, Domenico Modugno, Umberto Bindi ed altri. Del 2010 è "Morganicomio", contenente il brano inedito “La sera”. Sempre nel 2010 Morgan conduce il programma dedicato alla musica "Invece no" su Deejay Tv. E' ospite nel disco "Edoardo Bennato – Mtv Classic Storytellers" nella canzone "Perchè". Nel 2011 Morgan presta la sua voce come narratore del docu-film di Tom Di Cillo "When you're Strange" ispirato a Jim Morrison. A ottobre 2011 sarà di nuovo giudice di X Factor su Sky, con Simona Ventura, Elio ed Arisa.

Durante la finale si esibisce con Asia Argento in "Indifference", brano con testo di Asia e musica di Morgan, ispirato a "Gli Indifferenti" di Moravia. Successivamente Morgan pubblica l'album "Italian Songbook vol.2" uscito il 24 gennaio 2012, in cui reinterpreta, sull'onda del progetto iniziato nel 2009, cantautori come Domenico Modugno, Piero Ciampi, Pino Donaggio, I Gufi, Roberto De Simone, Charles Aznavour, Rodolfo De Angelis, Sergio Endrigo, Luigi Tenco e Giorgio Gaber. Il primo singolo estratto dall’album è "Marianne" (di Sergio Endrigo). L'album contiene inoltre due inediti di Morgan: la strumentale "Desolazione" e "Una nuova canzone".  A ottobre 2012 sarà nuovamente giudice di X Factor su Sky nella sesta edizione, arrivando in finale con due cantanti: la vincitrice Chiara Galliazzo e ICS, dei quali produce rispettivamente i singoli “Over the rainbow” “Autostima di prima mattina”.  Morgan esordisce come regista teatrale con l’opera lirica "Il Matrimonio Segreto", opera in due atti con  libretto di Giovanni Bertati e musica di Domenico Cimarosa, prodotta dalla Fondazione del Teatro Coccia di Novara. La prima dell'opera, durante la quale Morgan è anche apparso in un piccolo cameo, si è tenuta presso il Teatro Coccia il 5 Ottobre 2012.  Nel 2013 collabora con Asia Argento per il suo disco "Total Entropy" uscito il 29 Maggio in Francia e successivamente in Italia, contenente quattro inediti con Morgan: "CheeseAndEggs", "Sexodrome", "Indifference" e "Liebestod".  Nell’autunno del 2013 torna ancora come giudice ad X Factor, vincendo per la quinta volta, stavolta con il cantante Michele Bravi, ed entrando nel Guinness dei primati come giudice che ha vinto più edizioni del programma a livello mondiale.  Durante la semifinale del programma, Morgan presenta il suo nuovo inedito "Spirito e Virtù", attualmente in vendita negli store digitali. Nel dicembre 2014 pubblica il suo libro autobiografico "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio". Torna al Festival di Sanremo 2016 con i Bluvertigoi con il brano "Semplicemente".

La band viene eliminata prima della finale. Dal 2 aprile 2016 Morgan veste il ruolo di giudice al serale della quindicesima edizione di Amici, il Talent show di Maria De Filippi.  Nel 2017 insieme alla pianista Gile Bae si esibiscono un un progetto chiamato "Gile-Bae-Plays-Bach-Plays-Morgan" eseguendo dei concerti per due pianoforti in cui si confrontano sul repertorio del genio di Bach. Nel 2018 ospite fisso su RTL 102.5 nel programma radiovisivo "Okkio a Morgan". Gli viene inoltre affidata la conduzione della 42^ edizione del Premio Tenco, duettando anche con alcuni degli artisti che vi partecipano. Nel 2019 partecipa alla serata dei duetti della 69° edizione del Festival di Sanremo con il brano "Rolls Royce" di Achille Lauro. Conduce in prima serata su Raidue il "Morgan racconta i Queen: speciale Freddie Mercury". Da aprile riveste il ruolo di coach nel talent musicale "The Voice of Italy" in onda su Raidue.

La Medit Orchestra (12 archi e sezione ritmica) raccoglie l'eredità dell'Orchestra d'Archi Suono & Oltre e ha al suo attivo la prima esecuzione mondiale di "Variazioni per Basso elettrico e orchestra" di John Patitucci, eseguito in prima mondiale dall'autore con la nostra orchestra. Ha al suo attivo un CD con musiche di Astor Piazzolla, Nino Rota e Arvo Part. Ha prodotto nel 2020 il Concerto Tosti, Napoli e D'Annunzio con il trombettista Fabrizio Bosso, progetto basato sulla rielaborazione di Romanze da salotto di Tosti elaborate con un linguaggio jazz. La direzione del gruppo è affidata al compositore e docente Angelo Valori, da anni impegnato come musicista in contesti internazionali, ma anche attivo come direttore artistico ed organizzatore di numerosi festival abruzzesi dedicati allo sviluppo dei nuovi linguaggi musicali.

Per assistere agli eventi del Festival dannunziano è necessario prenotarsi sulla piattaforma dannunzioweek.it ed è possibile fare una donazione liberare di fondi che saranno devoluti per il risanamento della pineta dannunziana dopo i roghi del primo agosto. Le donazioni possono essere effettuate con le seguenti modalità: Bonifico bancario sul conto corrente IBAN IT 68 T 05424 04297 000051050040 intestato a Consiglio Regionale dell’Abruzzo; PagoPa la causale da indicare nel caso di bonifico bancario o PagoPa è la seguente: ‘Contributo per il recupero della pineta e dei luoghi dannunziani’; Versamento contanti presso il punto informativo della manifestazione sito in Piazza Unione – Pescara, tutti i giorni a partire da venerdì 3 settembre dalle ore 10 alle ore 19, e dalle 19 in poi sui luoghi degli spettacoli. Si ricorda che per accedere a tutti gli eventi della kermesse occorre avere con sé il Green pass.

la redazione

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK