Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Gatti vivi bruciati a Fontanelle, Stella (M5S): "Atto deplorevole. Il Comune intervenga subito"

Le parole della Consigliera regionale del M5S in difesa per i diritti degli animali

redazione
Condividi su:

“La notizia di gatti vivi dati alle fiamme o fatti esplodere nel quartiere Fontanelle di Pescara dovrebbe indignare tutti e chi di dovere dovrebbe attivare immediatamente misure per contrastare atti di questo tipo che sono a dir poco deplorevoli. Eppure, da quanto si legge sulla stampa, sembra che i residenti della zona non abbiano ricevuto alcuna risposta dall’amministrazione comunale pescarese”.

Interviene duramente la Consigliera regionale del M5S Barbara Stella, da sempre in prima linea nella difesa dei diritti degli animali.

E prosegue: “Quanto sta accadendo a Pescara non può e non deve in alcun modo passare inosservato e il Sindaco deve fare la sua parte intervenendo con tutti i mezzi a sua disposizione per impedire che simili atti si ripetano in futuro. Voglio ricordare che uccidere un animale per crudeltà e senza necessità è un reato penale e che la legge regionale dispone che i comuni siano responsabili di tutti i cani e gatti vaganti. Lo stesso Comune di Pescara ha adottato un regolamento che all’art. 1 comma 6 stabilisce che “Il Comune condanna e persegue ogni manifestazione di maltrattamento verso gli animali”; dunque l’amministrazione locale deve intervenire in modo deciso di fronte a questi gesti.

Nello stesso regolamento all’art. 32 è specificato che i gatti liberi, come definiti dallo stesso regolamento, sono tutelati dal Comune-continua la pentastellata-e pertanto vorrei capire cosa ha fatto e sta facendo l’amministrazione comunale a riguardo e soprattutto perché si tarda sempre ad intervenire nonostante le denuncia dei cittadini.

Conclude la Stella, “mi auguro vengano al più presto adottate tutte le azioni necessarie per fermare questo orrore che sembra essere diventato “una moda” che imperversa a Fontanelle e per questo credo sia allo stesso tempo importante attivare anche delle misure di promozione e educazione alla tutela del benessere animale affinchè simili episodi rimangano il più possibile casi isolati”.

Condividi su:

Seguici su Facebook