Ironman 70.3. Per il secondo anno tre amici in gara, "nessuna competizione ma voglia di esserci"

In gara i colori della Nuova Spiga Aurea di Spoltore

| di Sara Gerardi
| Categoria: Sport
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Prende il via oggi l'edizione 2016 dell'Ironman 70.3, la gara di triathlon più famosa al mondo. 

Alla manifestazione, giunta ormai alla sua sesta edizione a Pescara, partecipano da sempre centinaia di atleti provenienti da tutta Italia e dall'estero, tra cui si può menzionare anche l'attrice americana Katherine Kelly Lang, la famosa "Booke" della soap opera di canale 5 "Beautiful".

La gara si svolgerà in 3 percorsi:1,9 km di nuoto (1,2 miglia), 90 km in bicicletta (56 miglia) e 21,097 km di corsa, mezza maratona (13,1 miglia). La competizione vede la partecipazione di 3 categorie di atleti; i professionisti, gli amatori, e gli amatori a squadre con la staffetta. 

Ed è nella staffetta che tre amici pescaresi hanno deciso di partecipare alla competizione per il secondo anno consecutivo, unendo le loro forze come Tekno Team, dall'azienda spoltorese capitanata da Costantini; Luca Costantini aprirà la gara con il nuoto, passando il testimone a Fabio Granchelli con la bicicletta e Massimo Fascioli completerà il percorso con la corsa.

In particolare, Fabio Granchelli indosserà per l'evento la divisa ufficiale della Nuova Spiga Aurea di Spoltore, la società sportiva da poco rinnovata dal presidente Niki Di Nicola, e dai direttori sportivi Fabiano Roganti e Salvatore D'Andrea oltre che dal neo arrivato direttore sportivo di mountain bike Marco Perazzetti.

"Abbiamo deciso di partecipare alla competizione già dallo scorso anno e - racconta Fabio -  il tutto nasce da un'idea di Luca appassionato di sport. Personalmente durante l'anno mi sono allenato poco per la manifestazione, per motivi personali e le condizioni avverse del tempo non mi hanno consetito di allenarmi con continuità. La mia specialità è la bici, mentre Luca apre con il nuoto e Massimo chiude la staffetta con la corsa. Per quanto mi riguarda sono emozionato per la partecipazione alla gara, chiaramente in misura minore rispetto allo scorso anno che era l'esordio; nel corpo e nello spirito però c'è sempre quell'adrenalina che si attiva prima dell'inizio della competizione. Spero, quest'anno, di migliorare il mio tempo,-continua Fabio- rispetto allo scorso anno che è di 3.02. Per noi la gara rappresenta solo un divertimento, non siamo professionisti e non la viviamo a livello competitivo, magari c'è uno spirito agonistico,  ma l'obiettivo principale è quello di ritrovarsi a gareggiare nuovamente insieme".

 

"Come ha già detto Fabio, per noi la partecipazione alla competizione giunge già al secondo anno.- dichiara Luca- L'idea è partita da me come una sfida personale: volevo vedere come ci misuravamo rispetto al faticoso percorso della manifestazione. E' una prova per superare i nostri limiti sia fisici che sportivi. Ci siamo allenati costantemente per tutto l'anno, sia a nuoto che per la corsa e la bici. Rispetto allo scorso anno sono più tranquillo, ma sicuramente parteciperemo anche in futuro. Devo essere realista, abbiamo delle aspettative: ovvero quelle di migliorare la nostra posizione in classifica rispetto allo scorso anno; siamo arrivati 64esimi, ed è un traguardo non male per degli esordienti. L'anno scorso le condizioni meteo erano avverse, soprattutto il vento non ci ha facilitato lo svolgimento della gara, soprattutto per quanto concerne il tratto in bici".

 

"La partecipazione all'Ironman - raccconta Massimo - per quanto mi rigurda è dovuta a Luca che è lo sponsor e , grazie ad un amico comune Federico ha ingaggiato me e Fabio per questa nuova sfida. Vedendo che rispettavo i tempi per affrontare una mezza maratona, abbiamo concordato insieme che sarei stato il terzo partecipante per quanto concerne la corsa. Lo scorso anno mi sono allenato parecchio per poter partecipare alla competizione, mentre quest'anno, dato che sono stato a Roma per studiare, in seguito mi sono allenato qui a Pescara con una squadra di Atletica Leggera, ovvero dei Runners.  Con queste persone mi sono allenato in maniera intensiva per ben due mesi, anche se avevo comunque una buona preparazione. Personalmente mi aspetto di finire la mia gara con il tempo di 1.30', mentre l'anno scorso ho terminato il percorso con il tempo di 1,45'. L'Ironman è un evento spettacolare e visto che si svolge nella nostra Pescara è quasi un obbligo partecipare, un'occasione da cogliere sempre, anche per la prossima edizione".

Sara Gerardi

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK