Primo pareggio stagionale: Pescara-Vis Pesaro 2-2

Biancazzurri avanti con Clemenza, Cannavò pareggia dal dischetto. Nella ripresa viene annullato un gol regolarissimo a D'Ursi per fuorigiocco

| di Riccardo Camplone
| Categoria: Sport
STAMPA

Allo stadio Adriatico il Pescara incassa il primo pareggio stagionale bloccato dalla Vis Pesaro per 2-2. Nel primo tempo i biancazzurri passano in vantaggio, dopo soli 2 minuti di gioco, grazie alla verticalizzazione di Clemenza ma al 32' gli ospiti pareggiano con il calcio di rigore trasformato da Cannavò. Nella ripresa i biancazzurri si vedono annullare un gol regolarissimo di D'Ursi per un fuorigioco inesistente e al 72' la squadra di Banchini passa in vantaggio con Rubin, su errore di Cancellotti. Poco dopo i marchigiani restano in 10 uomini per la doppia ammonizione di Cannavò e all’83’ Cancellotti si fa perdonare segnando il definitivo pari.

LA PARTITA: Auteri schiera il classico 3-4-3 con Di Gennaro in porta; confermata la difesa di Carrara con Drudi, Cancellotti e Frascatore; a centrocampo debutto dal primo minuto per Rasi, al posto dello squalificato Nzita, con Pompetti e Memushaj in mezzo e Zappella terzino destro ed il tridente offensivo composto da De Marchi, D'Ursi e Clemenza.

Il tecnico della Vis Pesaro, Banchini, risponde con un 3-5-2 con Farroni in porta; Piccinini, Gavazzi e Giraudo centrali; a centrocampo Saccani, Basea, Coppola, Rossi e De Nuzzo con il due attaccanti Gucci e Cannavò. Arbitra Frascaro della sezione di Firenze.

Dopo 2 minuti di gioco il Pescara passa in vantaggio: De Marchi verticalizza bene per Clemenza che entra in area di rigore e trafigge Farroni mettendo la sfera all'angolino basso del primo palo: 1-0. Gli ospiti non stanno a guardare e al 4’ ci provano con Rossi dai 25 metri con Di Gennaro che para in angolo. Al 14’ Clemenza crossa in area di rigore per Rasi che colpisce di testa ma la sfera sfiora il primo palo.

Al 29’ ghiotta occasione per la squadra di Banchini: rimessa laterale battuta da Saccani, pallone in area di rigore con Gucci che serve di testa Cannavò che va dritto in porta nuovamente con la nuca ma Di Gennaro si sventa in corner.

Il gol è solo questione di minuti perché al 32’ la Vis Pesaro pareggia: Saccani entra in area di rigore, Memushaj commette fallo e l’arbitro Frascaro concede il calcio di rigore. Dal dischetto va Cannavò che colpisce sul secondo palo e batte Di Gennaro: 1-1.

Al 40’ i biancazzurri sfiorano il vantaggio con Memushaj, da calcio franco, colpendo il palo alla destra dell’estremo portiere marchigiano. Dalla conclusione sbagliata nasce un’occasione pericolosa degli avversari: Cannavò entra in area di rigore saltando due difensori abruzzesi e colpisce di prima intenzione, Di Gennaro salva la propria squadra. Il primo tempo finisce in parità sul punteggio di 1-1.

Nella ripresa gli abruzzesi si vedono annullare un gol regolarissimo: contropiede mortifero dei biancazzurri con D’Ursi che si invola tutto solo nell’area di area di rigore marchigiana mettendo il pallone all’angolino del primo palo ma l’assistente annulla il gol per un fuorigioco inesistente. Tante le proteste biancazzurre. Al 60’ Auteri opta per i primi tre cambi: dentro Rizzo, Ingrosso e Marilungo al posto di Zappella, Rasi e Clemenza.

Al 62’ i biancazzurri vanno vicini alla rete con D’Ursi che entra in area di rigore fa partire il tiro a giro ma la conclusione termina sul fondo. Quattro minuti dopo i padroni di casa ci riprovano nuovamente, sempre con D’Ursi che si divora il 2-1 davanti a Farroni.

Al 71’ però la Vis Pesaro passa clamorosamente in vantaggio: Cancellotti allontana male di testa il pallone, recupero di Rubin che dal limite dell’area calcia in porta e batte Di Gennaro: 1-2. Sette minuti dopo gli ospiti restano in 10 uomini per la doppia ammonizione di Cannavò. Il Pescara tenta il tutto per tutto per agguantare il pareggio: all’83’ calcio d’angolo per gli abruzzesi battuto da Pometti, cross verso l’area di rigore dove Cancellotti è il più lesto di tutti e batte Farroni con un colpo di testa sul secondo palo: 2-2.

Assegnati 4 minuti di recupero il Delfino va a caccia del vantaggio: al 90’ viene annullato un gol a Ferrari e questa volta la segnalazione dell’assistente è giusta poi, lo stesso attaccante italo-argentino, si fa parare una conclusione da Farroni. Il Pescara sale a quota 7 punti in classifica assieme al Siena, vittorioso in casa per 3-0 contro la Carrarese mentre la Vis Pesaro incassa il secondo pareggio consecutivo.

Il Pescara scenderà nuovamente in campo mercoledì 15 settembre, sempre all’Adriatico, per la gara di Coppa Italia contro il Grosseto.

TABELLINO

PESCARA-VIS PESARO 2-2

MARCATORI: 2' Clemenza (P), 33' Cannavò (rigore) (VS), 72' Rubin (VS), 83' Cancellotti(8P)

PESCARA (3-4-3): Di Gennaro; Cancellotti, Drudi, Frascatore; Pompetti, Memushaj (77'Galano), Rasi (60' Ingrosso), Zappella (60' Rizzo); De Marchi (70' Ferrari), D'Ursi, Clemenza (60' Marilungo); All. Auteri 

VIS PESARO (3-5-2): Farroni; Piccinini, Gavazzi, Giraudo; Saccani, Basea (60'Eleuteri), Coppola, Rossi (70'Rubin), De Nuzzo; Gucci (59'De Respinis), Cannavò; All. Banchini

AMMONITI: De Marchi, Pompetti, Rizzo (P), Cannavò, Coppola, Giraudo (VS)

ESPULSI: Cannavò (VS)

ARBITRO: Frascaro della sezione di Firenze

Riccardo Camplone

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK