Coronavirus, lavoro intenso per l'équipe di Pescara

I tamponi eseguiti sui casi sospetti in Abruzzo arrivano nel settore di Biologia molecolare del laboratorio dell'ospedale adriatico

| di Ansa Abruzzo
| Categoria: Attualità
STAMPA

Quattro giovani biologi che da tre settimane lavorano senza sosta, spesso fino a notte, a caccia del Coronavirus.

E' l'équipe che analizza i tamponi eseguiti sui casi sospetti in Abruzzo e che arrivano nel settore di Biologia molecolare del laboratorio dell'ospedale di Pescara, centro di riferimento regionale.

Sono Carlo Crescenzi, Sabina D'Ettorre, Paolo De Cono e Rita Orrù, coordinati dal dirigente medico Anna Pelatti. Gli esami sono eseguiti in un'area a pressione negativa con livello di biosicurezza BL3 (il massimo è BL4); qui ogni giorno confluiscono i tamponi. Tra preparazione di strumenti e dispositivi di protezione e analisi vere e proprie ogni test richiede circa 5 ore.

"Ringrazio il mio staff - dice Paolo Fazii, direttore Uoc Microbiologia e virologia clinica a valenza regionale - in particolare questi ragazzi, bravi dal punto di vista tecnico e umano, si sono dedicati a questo tema senza risparmiarsi. La situazione epidemiologica, però, potrebbe richiedere la possibilità di avere altro personale".

Ansa Abruzzo

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK