Siamo sicuri che la campanella suonerà per tutti?

Le preoccupazioni dei genitori dei bambini con disabilità che vedranno le loro conquiste e le loro abitudini stravolte

| di Teresa D'Adamo
| Categoria: Attualità
STAMPA

Si avvicina la riapertura della scuola, eppure l'incertezza aleggia tra i docenti e i genitori degli alunni che si apprestano a ricominciare dopo più di sei mesi di chiusura.

Ma le preoccupazioni sono soprattutto dei genitori dei bambini con disabilità che vedranno le loro conquiste e le loro abitudini stravolte. Gli alunni infatti, non potranno più abbracciare né docenti e né compagni, dopo che gli stessi insegnanti e genitori hanno sputato sangue nell'inculcare ai bambini, specie nel caso di alunni autistici, l'importanza della relazione con gli altri e il valore della condivisione.

L'augurio è quello di dare ai nostri figli, soprattutto a quelli disabili un bagliore di speranza e di luce in una società in cui il Covid non ha fatto altro che sottolineare la differenza tra i cosiddetti "normali e disabili".

Buon anno ai bambini e ai ragazzi che stanno per affrontare il nuovo anno scolastico.

Teresa D'Adamo, mamma e docente

Teresa D'Adamo

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK