La Roma batte il Pescara 3-2; all'Olimpico non riesce la rimonta biancoazzurra

| di Sara Gerardi
| Categoria: Sport
STAMPA

Inizio da incubo per il Pescara allo Stadio Olimpico di Roma. Oddo manda in campo dal primo minuto di gioco Bahebeck e Pepe in luogo di Caprari e Verre con Vitturini, Zuparic e Biraghi a comporre il trio difensivo, a centrocampo Zampano, Brugman, Memushaj, Benali e Crescenzi. Dopo solo due minuti di gioco i biancoazzurri perdono Bahebeck per infortunio; il calciatore francese era appena rientrato da un infortunio che l'ha tenuto fuori dalla partita persa contro l'Inter.

Oddo è costretto così a sostituire l'ex Paris Saint German con Caprari. Al 7' la Roma va in vantaggio con Dzeko che anticipa Vitturini e di piatto infila alle spalle di Zampano. Passano solo 3 miunti e al 10' la Roma raddoppia ancora con Dzeko che anticipa Zuparic e calcia in rete. Al 17' prova a reagire il Pescara  con un'ottima discesa di Crescenzi che serve in area Pepe, ma la conclusione dell'attaccante biancazzurro è facilmente controllata da Szczesny.

Al 22' si fa vedere ancora il Pescara con Brugman e Pepe che concludono dalla distanza, ma, in entrambe i casi, la sfera è troppo centrale. Al 28' la Roma sfiora il terzo gol, tiro dalla distanza di Naingollan Bizzarri devia la sfera in angolo. Sul finire del primo tempo ancora Dzeko vicino al terzo gol e alla tripletta con un colpo di testa che termina di poco fuori. Dopo 2 minuti di recupero le due squadre vanno negli spogliatoi con il punteggio di 2-0 per la Roma.

Nella ripresa Oddo manda in campo Verre al posto di Vitturini con la difesa che passa da 3 a 4 e i risultati si vedono. Al 53' Pescara vicino al gol con il miracolo di Szczesny su Pepe, servito da Caprari che sfrutta una rimessa laterale veloce. Al 58' è ancora il Pescara che si rende pericoloso: sempre Szczesny salva il risultato su un tiro ravvicinato di Verre. E' il preludio al gol che arriva al 60' con Memushaj: che con un sinistro in diagonale riporta a galla il Pescara che accorcia le distanze per il 2-1. Ma i limiti della difesa biancoazzurra sono, purtroppo, evidenti; Crescenzi atterra Salah in area di rigore con l'addizionale di gara che segnala all'arbitro la massima punzione: dal dischetto va Perotti che sigla il 3-1 per la Roma al 69'. Sembra la fine, ma non è così; il Pescara si scuote e trova ancora il gol, grazie a Caprari che realizza al 74' con un tiro dalla distanza; Roma 3 Pescara 2, partita riaperta.

Al 83' Roma vicino al gol con Bizzarri che compie un'ottima parata su Salah. Al 89' Pescara vicino al gol, ma il tiro ravvicinato di Verre viene deviato all'ultimo in corner da un difensore giallorosso. Dopo 3 minuti di recupero la partita termina sul 3-2 per la Roma. Partita a doppio volto per i biancoazzurri: nel primo tempo squadra scialba e incolore, con un gioco poco fluido e costruttivo, nella ripresa biancoazzurri  in campo agressivi e vivaci con un rinnovato spirito propositivo da cui sono poi scaturiti anche i gol. Pescara fermo ancora a 7 punti in classifica con la sesta sconfitta consecutiva, nel prossimo incontro all'Adriatico arriva il Cagliari. Mercoledì, invece, i biancoazzurri affronteranno l'Atalanta in Coppa Italia.

Sara Gerardi

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK