Il Lunedì del Delfino

Pillon ringrazia Zeman e punta a una riconferma per la prossima stagione

| di Fabio Rosica
| Categoria: Sport
STAMPA

Finalmente una sorpresa in chiave positiva per il Delfino, che vincendo a Terni (per la prima volta nella storia degli scontri fra queste due società) si è forse definitivamente tirata fuori dalla “zona pericolo”. Certo, mancano ancora 4/5 punti per chiudere i conti, ma d’ora in poi si potranno affrontare i prossimi scontri diretti con maggiore fiducia e serenità.

La Ternana aveva dato tutto ciò che poteva nel corso dell’ultimo mese di gare, culminate con l’incredibile vittoria nel derby di Perugia, in rimonta e rimettendo parzialmente in sesto una classifica che definire deficitaria, era un eufemismo. Esaurita la carica psico-fisica, che non poteva certo durare fino al termine della stagione, per nostra fortuna il calendario e il primo caldo quasi estivo, hanno consegnato a Brugman e compagni, una squadra davvero “cotta”. La mitica preparazione estiva di Zeman ha fatto il resto, permettendo a una squadra sicuramente inferiore dal punto di vista tecnico (il Pescara …), un predominio sul campo nettissimo. A tal proposito è stato lo stesso Bepi Pillon, nell’immediato dopo gara, a ringraziare il collega boemo. Un gesto non consueto e tanto meno scontato, nell’odierno mondo del pallone. Alla luce di ciò, potremmo quasi rammaricarci ulteriormente dell’esonero di Zeman, quando la squadra, seppur poco lucida, si trovava ancora a un tiro di schioppo dalla zona play off, che quindi, senza la penosa parentesi del dilettante allo sbaraglio, Massimo Epifani, magari avrebbe ancora potuto aspirare all’ottavo posto. Beninteso, non avremmo fatto molta strada, visto l’enorme gap tecnico rispetto ad almeno cinque o sei formazioni che si stanno giocando la promozione, ma sempre meglio che un finale in sofferenza come questo.

 Lo stesso Epifani, nel frattempo, tornato ad allenare la Primavera come sappiamo, perdendo in casa contro i giovani, guarda caso, della Ternana, ha abbandonato le residue speranze di disputare i play off.

Già domani pomeriggio si ritornerà in campo. Penultimo turno casalingo della stagione per il Pescara, che riceverà un Cesena affamato di punti. La spartizione della posta in palio potrebbe rappresentare la miglior soluzione per entrambe le compagini, reduci da vittorie importanti e ben decise a evitare i play out. Alla luce di quanto visto a Terni e con un Pillon motivato a dimostrare di valere una possibile riconferma per la prossima stagione, immaginiamo però un Delfino determinato a conquistare la vittoria. Si tratterebbe della terza di fila e renderebbe un po’ meno amaro ai tifosi il ricordo di quest’ennesima, sciagurata stagione.

Sabato prossimo, poi, si andrà a Novara, in questo momento impelagata in piena zona play out, ai limiti della retrocessione diretta e che domani se la vedrà in trasferta con la Cremonese, per l’ennesimo spareggio salvezza di questo convulso finale di campionato. Diciamo quindi che lo scontro casalingo contro il Cesena va inquadrato anche in previsione della successiva, difficile, trasferta, che sarebbe opportuno affrontare con una situazione di classifica tranquilla.

Per una volta evitiamo di affrontare gli ormai fin troppo consueti discorsi legati alle vicissitudini societarie e concentriamoci esclusivamente sul calcio giocato. Per quanto sia un risultato nettamente inferiore alle attese, almeno la permanenza nella cadetteria è un patrimonio che non si può sciupare, fermo restando che un paio di vittorie non possono modificare i giudizi fin qui espressi. A lunedì prossimo, sperando di poter commentare una salvezza già acquisita.

 

Fabio Rosica

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK