Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Un "Terna al lotto" in cui i cittadini non vincono

Manifestanti sotto la sede della regione per il NO all’elettrodotto Villanova-Gissi

| di Sabrina Duarte
| Categoria: Territorio | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

Terna? No grazie. È l’urlo lanciato ieri pomeriggio da un presidio di manifestanti di fornte alla sede della Regione Abruzzo a Pescara. Sono i cittadini di Lanciano, Gissi, Atessa, Guardiagrele e altri paesi limitrofi che si sono uniti in un comitato spontaneo, accomunati dall’idea che il grande elettrodotto non si debba proprio fare.

I motivi, secondo i manifestanti, sono tanti. C’è la questione salute: studi scientifici dimostrerebbero che un’esposizione duratura ai campi elettromagnetici possa provocare tumori, leucemie, malattie del sangue.
C’è poi lo scempio nei confronti del territorio abruzzese. Una regione caratterizzata da un paesaggio straordinario e suggestivo che verrebbe letteralmente diviso in due.
Inifne, c’è il problema dei terreni espropriati per impiantare i piloni e le strade di accesso ai cantieri per la realizzazione dell’opera. Una lunga lista nera che provoca forti preoccupazioni e rabbia nei cittadini coinvolti.

L’opera, secondo le dichiarazioni dei manifestanti, non porterà nessun beneficio economico in termini di energia alla popolazione, ma solo guadagno a poche società; per questo ieri pomeriggio, hanno tutti insieme chiesto la sospensione dei lavori e maggiore chiarezza sulle questioni relative alla sua autorizzazione.

Sabrina Duarte

Contatti

redazione@pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK